Scopri la tariffa oraria delle babysitter nella tua zona

Età minima Età massima

Disponibile per

Questo post è stato aggiornato il

Mettere in regola la baby sitter comporta il versamento trimestrale dei contributi previdenziali all’INPS. Ma parte di quel costo si può recuperare. Come? Grazie alla deducibilità contributi dalla dichiarazione dei redditi. 

Le famiglie che decidono di mettere in regola la baby sitter che si occupa del loro bambini possono usufruire anche di vantaggi fiscali. Non solo quindi, come spieghiamo nel nostro post sui pericoli di tenere la baby sitter in nero, si mettono al riparo da ogni rischio ma possono anche recuperare una parte del costo sostenuto.


Stai cercando una baby sitter? Registrati a Sitly. È gratis!

Puoi fare tutto dal tuo telefono o dal tuo tablet, con la App di Sitly. Scaricala subito!

Trovare una baby sitter con la app di Sitly, è facile. Guarda questo video:


Infatti, al momento di compilare la propria dichiarazione dei redditi, chi assume una baby sitter può portare in deduzione i contributi versati all’Inps per la baby sitter nel corso dell’anno precedente. Ma cerchiamo di capire meglio, cominciando dalle basi.

Deducibilità contributi INPS: definizione e importi

Innanzitutto una precisazione: parlare di deducibilità contributi INPS vuol dire che tali contributi andranno ad abbassare il reddito. Quindi la base imponibile (cioè i guadagni su cui si calcolano in percentuale le imposte) sarà più bassa. E, in proporzione, si dovranno pagare imposte minori. Non parliamo di una detrazione, che avviene direttamente sul calcolo sulle imposte da pagare.

Quali contributi baby sitter sono deducibili

I contributi baby sitter deducibili sono solo quelli a carico del datore di lavoro, non quelli a carico del lavoratore. Che vuol dire? Facciamo un esempio pratico. Se per ogni ora lavorata dalla baby sitter versiamo all’INPS  1,04 euro,  78 centesimi sono a nostro carico e 26 centesimi sono invece a carico della baby sitter. All’INPS versiamo tutto noi, ma i 26 centesimi ce li riprendiamo dalla busta paga della baby sitter.

Ecco, al momento di fare la dichiarazione dei redditi, potremo portare in deduzione solo la parte di contributi che spetta noi, quindi quei 78 centesimi versati per ogni ora che la baby sitter ha lavorato.

A quanto ammonta la deduzione contributi colf badanti e baby sitter?

I contributi INPS versati per la baby sitter assunta regolarmente possono essere portati in deduzione per l’importo massimo di € 1549,37. Il che non è poco e in realtà quasi tutte le famiglie possono beneficiarne.

Come si fa la deduzione dei contributi nella dichiarazione dei redditi

Per prima cosa, conserva tutti i bollettini versati, o le ricevute dei pagamenti on-line. Poi, prendi in considerazione solo i contributi effettivamente versati nell’anno fiscale per il quale stai facendo la dichiarazione dei redditi. Per esempio, nel 2019 porta in deduzione tutti i bollettini versati nel 2018 (anche se il versamento che hai fatto a gennaio 2018 si riferiva alle ore lavorate nel 2017).

Infine a seconda del modulo di dichiarazione dei redditi che usi compila la riga giusta:

  • deducibilità contributi baby sitter dal modulo 730: rigo E23
  • contributi baby sitter deducibili nel modello Unico: rigo RP
  • deduzione contributi lavoro domestico con la dichiarazione precompilata delle Agenzie delle Entrate: controlla che la somma indicata dall’Agenzia sia uguale alla somma dei bollettini che hai versato (solo la parte a tuo carico, non quella a carico della baby sitter, come dicevamo).

Insomma, come vedi assumere la baby sitter ha i suoi vantaggi fiscali, sarebbe un peccato non approfittarne!

Se ti interessa avere tutte le informazioni che riguardano l’assunzione di una baby sitter, ti consigliamo di dare un’occhiata anche a questi due post:

Mettere in regola la baby sitter: la guida pratica

Contributi INPS baby sitter 2019